Principale Stile Di Vita Lo studio del DNA antico illumina le origini della lingua indoeuropea

Lo studio del DNA antico illumina le origini della lingua indoeuropea

Per decenni, i ricercatori hanno discusso di come le lingue indoeuropee siano state parlate dalle isole britanniche all'Asia meridionale.

Ora, il più grande di semprestudiodell'antico DNA umano suggerisce che la risposta potrebbe risiedere in una migrazione di massa di pastori dell'età del bronzo dalle steppe eurasiatiche, iniziata 5.000 anni fa, verso ovest verso l'Europa e verso est verso l'Asia.

Vagheesh Narasimhan, co-primo autore dell'articolo pubblicato giovedì sulla rivista Science, ha detto all'AFP che il ruolo dei movimenti della popolazione negli ultimi 10.000 anni è stato fondamentale per comprendere i cambiamenti linguistici e il passaggio dalle attività di cacciatori-raccoglitori all'agricoltura.

C'è stato molto lavoro sul DNA, oltre a lavori archeologici, su entrambi questi processi in Europa, ha spiegato il borsista post-dottorato alla Harvard Medical School, ma queste trasformazioni sono meno comprese in Asia.

Un team globale di genetisti, archeologi e antropologi ha analizzato i genomi di 524 antichi individui mai studiati prima dell'Asia centrale e meridionale, aumentando il totale mondiale di genomi antichi pubblicati di circa il 25%.

Confrontando i genomi tra loro e con i resti scoperti in precedenza e inserendo tali informazioni nel loro contesto storico attraverso documenti archeologici e linguistici, il team è stato in grado di colmare le lacune nella nostra attuale comprensione.

Un documento del 2015 indicava che le lingue indoeuropee - il più grande gruppo linguistico del mondo che include hindi-urdu, farsi, russo, inglese, francese, gaelico e più di 400 altre - sono arrivate in Europa attraverso le steppe.

Nonostante siano sparse su una vasta area che comprende una miriade di culture, queste lingue condividono misteriose somiglianze nella sintassi, nei numeri, negli aggettivi di base e in numerosi nomi, inclusi quelli relativi ai parenti, alle parti del corpo e altro ancora.

Il percorso delle lingue proto-indoeuropee verso l'Asia era meno chiaro: una scuola di pensiero sosteneva che si diffondessero dai contadini dell'Anatolia (l'attuale Turchia).

Ma il documento ha scoperto che gli odierni asiatici del sud hanno pochi o nessun lignaggio condiviso con questi antichi contadini anatolici.

Possiamo escludere una diffusione su larga scala di agricoltori con radici anatoliche nell'Asia meridionale, il fulcro dell''ipotesi anatolica' secondo cui tale movimento ha portato l'agricoltura e le lingue indoeuropee nella regione, ha affermatocoautoreDavid Reich, anche lui alla Harvard Medical School.

Poiché non si sono verificati movimenti sostanziali di persone, questo è scacco matto per l'ipotesi anatolica. Ci sono due nuove linee di prova a favore dell'origine della steppa. In primo luogo, i ricercatori hanno rilevato somiglianze genetiche che collegano i parlanti dei rami indo-iraniani e balto-slavi dell'indoeuropeo.

Hanno scoperto che gli odierni oratori di entrambi questi gruppi discendono da un sottogruppo di pastori della steppa che si è spostato a ovest verso l'Europa 5.000 anni fa, per poi diffondersi a est nell'Asia centrale e meridionale nei successivi 1.500 anni.

Un'altra osservazione a favore della teoria: gli asiatici del sud che oggi parlano lingue dravidiche (principalmente nell'India meridionale e nel Pakistan sudoccidentale) avevano pochissimo DNA di steppa, mentre quelli che parlano lingue indoeuropee come hindi, punjabi, bengalese ne hanno molto di più.

Per quanto riguarda l'agricoltura, il lavoro precedente ha rilevato che l'agricoltura si è diffusa in Europa attraverso persone di origine anatolica.

Gli asiatici del sud, tuttavia, condividono poco o nessun ascendenza con gli anatolici, escludendoli, mentre la documentazione archeologica mostra che l'attività è antecedente anche ai pastori delle steppe, portando i ricercatori a concludere che l'agricoltura sia arrivata in modo indipendente nella regione.

Un secondo articolo, nel frattempo, pubblicato sulla rivista Cell Press da diversi degli stessi autori, descrive il primo genoma di un individuo della civiltà della valle dell'Indo (IVC), una delle grandi civiltà del mondo antico contemporanea all'Egitto e alla Mesopotamia.

Le sue città, che apparvero per la prima volta nel 3000 a.C., erano popolate da decine di migliaia di persone, che usavano pesi e misure standardizzate, costruivano grandi strade e commerciavano con luoghi lontani fino all'Africa orientale.

Il team è stato in grado di superare le sfide tecniche poste dal clima caldo, umido e monsonico per mettere in sequenza per la prima volta un individuo dell'età del bronzo dell'Asia meridionale.

Il DNA appartiene a una donna vissuta da quattro a cinque millenni fa sepolta a Rakhigarhi, la più grande città dell'IVC, nota anche come civiltà Harappa.

Sulla base delle loro scoperte, gli autori ritengono che i moderni asiatici del sud discendano dal popolo Harappa che in seguito si mescolò ai pastori delle steppe emigrati dal nord.

Al di là del suo valore accademico, il sequenziamento del DNA antico può aiutare a migliorare i moderni studi sul genoma che esaminano la predisposizione genetica alle malattie, un'area fiorente della medicina.

In Europa, questo è stato ampiamente studiato e le persone li usano sempre negli studi medici, ma nell'Asia meridionale e centrale c'è stata una scarsità di questo - e questo documento aiuta a colmare quel divario, ha detto Narasimhan all'AFP.

(Questa storia è stata pubblicata da un feed di un'agenzia di trasmissione senza modifiche al testo. Solo il titolo è stato modificato.)

Articoli Interessanti

Scelta Del Redattore

Buddha Purnima 2020: ecco tutto ciò che devi sapere sull'anniversario della nascita di Gautam Buddha
Buddha Purnima 2020: ecco tutto ciò che devi sapere sull'anniversario della nascita di Gautam Buddha
Buddha Purnima o Buddha Jayanti è celebrato con grande fervore in India, Sri Lanka, Nepal, Bhutan, Tibet e numerosi altri paesi del sud-est asiatico tra cui Thailandia, Tibet, Cina, Corea, Laos, Vietnam, Mongolia, Cambogia e Indonesia.
Oroscopo giornaliero del 23 settembre sul cancro: la tua posizione finanziaria migliorerà!
Oroscopo giornaliero del 23 settembre sul cancro: la tua posizione finanziaria migliorerà!
Caro Cancro, gli investimenti passati matureranno e inizieranno a dare buoni ritorni. Preparati oggi per alcuni problemi come il peso o un disturbo cronico che potrebbero tornare a crearti problemi.
Vuoi un successo abbagliante? Indossa il diamante in questo giorno per ottenere i massimi benefici, sappilo
Vuoi un successo abbagliante? Indossa il diamante in questo giorno per ottenere i massimi benefici, sappilo
Con l'invenzione di nuove tecniche e macchinari la produzione di diamanti è diventata conveniente.
Oroscopo giornaliero della Bilancia per il 3 settembre: aspettati notizie importanti oggi
Oroscopo giornaliero della Bilancia per il 3 settembre: aspettati notizie importanti oggi
Cara Bilancia, la previsione di oggi dice che notizie importanti potrebbero arrivare verso la seconda metà della giornata, elevando il tuo umore.
Oroscopo giornaliero del Toro per il 18 ottobre: ​​nuove opportunità in arrivo
Oroscopo giornaliero del Toro per il 18 ottobre: ​​nuove opportunità in arrivo
Caro Toro, se vuoi espandere la tua attività o cercare nuove opportunità, tutto si riverserà nella tua vita.
Oroscopo di oggi: previsione astrologica per il 29 luglio
Oroscopo di oggi: previsione astrologica per il 29 luglio
Oroscopo del giorno: le stelle sono schierate a tuo favore? Scopri la previsione astrologica per Ariete, Leone, Vergine, Bilancia, Pesci e altri segni zodiacali per il 29 luglio.
Oroscopo di oggi: previsione astrologica per il 26 maggio
Oroscopo di oggi: previsione astrologica per il 26 maggio
Oroscopo del giorno: le stelle sono schierate a tuo favore? Scopri la previsione astrologica per Ariete, Leone, Vergine, Bilancia, Pesci e altri segni zodiacali per il 26 maggio.